RESPIRI O TRATTIENI IL FIATO?

Quando chiedo ai miei ragazzi se durante il percorso respirano, le risposte sono le più disparate: “Certo che respiro, altrimenti come posso fare?”  “In realtà… non lo so” “Dipende…” “Quando ho finito il percorso mi sento in affanno”

E questo la dice lunga sul fatto che la respirazione sia spesso trascurata, nel senso che non ci si ferma a pensare consciamente a come e dove respiriamo, tanto il nostro respiro è qualcosa che va in autonomia anche senza la nostra volontà, e viene assolutamente in secondo piano rispetto all’uso degli aiuti e alle competenze tecniche.

Non si passa molto tempo ad insegnare ai ragazzi come curare la respirazione in campo prova, prima di entrare in gara e durante la gara anche se questo andrebbe fatto nella stessa misura in cui curiamo la posizione del tallone, delle mani ed il nostro equilibrio in sella.  Avere consapevolezza della frequenza del nostro respiro e se respiriamo con il torace oppure con la pancia può fare davvero la differenza!

E la fa soprattutto nei momenti più importanti che sono il pre-gara e la gara, ma anche nel post-gara per recuperare e ricentrarci, in particolare se la performance non è stata proprio in linea con le nostre aspettative.

Imparare a gestire correttamente la respirazione e magari farlo insieme ai nostri ragazzi può essere estremamente utile e anche molto divertente!

(Visited 2 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.